Sul servizio ferroviario Modena Sassuolo

thumb

Legambiente  (Circolo Legambiente Chico Mendes di Formigine, Circolo Legambiente Vassallo di Modena) esprime la propria contrarietà agli annunciati tagli al servizio ferroviario Modena-Sassuolo.

Ribadiamo che il trasporto pubblico deve necessariamente diventare uno dei pilastri della mobilità del futuro, che deve affrancarsi dalla dipendenza dall’automobile al fine di ridurre l’emissione di gas serra e l’inquinamento atmosferico che, lo ricordiamo, crea sul nostro territorio gravi danni alla salute della popolazione.

In attesa degli auspicati investimenti e provvedimenti, sia a livello nazionale/regionale che locale, finalizzati a dare finalmente centralità al trasporto pubblico e a ridurre le automobili in circolazione, si è purtroppo costretti a lottare per difendere il servizio esistente da ulteriori e inaccettabili tagli che, se attuati, andrebbero nella direzione esattamente contraria.

La linea ferroviaria Modena Sassuolo, pur avendo grandi potenzialità, è già stata oggetto in passato di pesanti tagli e la qualità del servizio è decisamente non all’altezza (treni obsoleti, disservizi, stazioni prive di biglietteria, controlli dei biglietti a bordo treno pressoché inesistenti, tariffe troppo elevate, ecc…).

Questi nuovi tagli, soprattutto negli orari utilizzati dai lavoratori, avranno come conseguenza l’ulteriore allontanamento e disaffezione degli utenti e fanno sorgere dubbi sulle reali intenzioni di FER e Regione sul futuro di questa importante linea ferroviaria.

Chiediamo pertanto a FER, Regione Emilia Romagna e Agenzia per la Mobilità di evitare gli annunciati tagli alla linea e di procedere finalmente ad un suo rilancio, prevedendo la partecipazione degli enti locali, delle associazioni e degli utenti alle scelte che riguardano questa tratta ferroviaria.

(Circolo Legambiente “Chico Mendes” – Formigine, Circolo Legambiente “Vassallo” – Modena)

Annunci